Intimo tecnico Floa, tessuto ibrido che ci piace!

Floa technical base layer è un nuovissimo brand che si affaccia al mondo dell’intimo tecnico per sci e snowboard.  Questo brand nato da pochissimo ci ha incuriosito da subito per la sua linea, i capi danno un’idea immediata di morbidezza e semplicità.

Siamo riusciti a fare qualche uscita in varie condizioni sia in ski alp che freeride per valutare bene il feeling di questi capi. Intanto vogliamo darvi alcune informazioni sulla composizioni dei tessuti, la particolarità è data dal fatto che sia un intreccio di più materiali dalla lana merino (40%) e vari filati sintetici per la restante parte. Questa costruzione fa in modo che sia la maglia che la calzamaglia Floa risultino calde e traspiranti grazie alla lana e conservino un’elasticità tipica di alcuni filati sintetici. La tecnologia Seamless (senza cuciture) è presente su entrambi i capi, ormai sta diventando un must per molti brand e in effetti indossando a pelle questi prodotti per tante ora riusciamo davvero a percepirne il valore. Zero irritazioni o fastidi, il tessuto senza cuciture vi farà dimenticare di averlo addosso. La cerniera per chiudere il colletto è di misura perfetta, si apre fino a metà busto quasi, l’unico difetto è che risulta un po’ rigida e poco scorrevole a volte.

Un’altra particolarità dei capi Floa che abbiamo trovato interessante è la struttura a leggera compressione presente nelle zone di muscolatura (sia nella maglia che nella calzamaglia) mentre nelle aree articolari il tessuto risulta più morbido. Questo dettaglio sopratutto per ad esempio pratica sci alpinismo e si trova a fare sforzi intensi e ripetuti a lungo risulta essere un punto di forza, così come delle aree in mesh per i punti di maggior sudorazione. Per concludere noi ci siamo trovati davvero bene con questi capi, il brand è solo all’inizio della sua avventura quindi ha tutte le carte in regola per crescere e ampliare la sua gamma di prodotti. Per il completo maglia e calzamaglia servono circa 160€, non è pochissimo sopratutto per un marchio che ancora deve farsi spazio, possiamo dirvi però che è la scelta di Richard Permin (uno dei nostri skier preferiti) quindi se non fidate di noi dovete per forza fidarvi di lui!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *